Montegrazie

 

Il centro di Montegrazie (più noto come Monte Grosso fino al 1872) sorge armonicamente sviluppato sul fianco della collina al di là del Rio Forno, ben introdotto dall’antica loggia pubblica di riunione.

Perfettamente inserita nell’ambiente circostante, nonostante i danni subiti nel terremoto del 1887, si presenta la parrocchiale dell’Annunziata di Planello di sicure origini medioevali ma rielaborata, nella sua forma attuale, dall’arch. genovese Tagliafichi e realizzata da Domenico Belmonte nel 1756 – 1764.

Nelle immediate vicinanze si può osservare l’edificio ormai sconsacrato dell’oratorio dei disciplinanti di Santa Caterina sede della locale confraternita oggi sconsacrato e parzialmente rifatto; fu costruito nel 1589 dall’arch. Semeria.

Con breve tragitto automobilistico o distensivo trasferimento a piedi tra gli oliveti, si  raggiunge il Santuario delle Grazie, monumento tra i più belli della Liguria, anzi, complesso monumentale costituito dall’antica Cappella dell’Apparizione (sec. XIV), dalla chiesa principale (terminata nel 1450) e dalla torre campanaria affiancata dalla casa del Cappellano (1671) e dalla scenografica fontana, un tempo ricoperta di marmi, del 1635. Ogni otto settembre vi si celebra una popolare sagra religiosa in onore della Madonna e non di rado il Santuario si apre ad eventi artistico-musicali di rilievo.